E' da queste immagini che si puo' capire quanto sia bello e profondamente tenero lo sguardo di un bambino . Quello sopra e' Aleh , il bambino della Bielorussia che ogni estate viene da me . L'altro e' Vladik , un bambino della Moldavia che Aleh ha conosciuto qui in Italia . E' una missione molto difficile quella del volontariato a favore dei bambini . Bisogna accettare tante critiche , tante difficolta'  . E bisogna avere una pazienza infinita . Ma alla fine i bambini danno molto di piu' degli adulti . Loro non guardano il tuo aspetto esteriore ma cercano quello che hai dentro . Se sai subito capire il loro meccanismo , che in ogni bambino e' simile ma molto variabile , diventi subito un punto di riferimento per loro . Senza dimenticarsi che non e' tuo figlio . Quindi vanno bene attenzioni e coccole . Ma senza sostituirsi alla famiglia . E inoltre bisogna saper aspettare . I bambini non sono come gli adulti , e hanno i loro tempi . Devono analizzare bene la persona e bisogna saper aspettare che siano loro a fare il primo passo verso di noi . Non bisogna mai forzarli nelle cose ne pretendere cio' che non faremo noi stessi . Ad esempio , se e' vero che tanti bambini a tavola fanno tanti capricci , e' anche vero che umiliarli davanti a tutti ( COME FANNO MOLTI GENITORI.. )  e' peggio . Meglio usare il gioco per comunicare con loro . Se e' un bambino che ha meno di 7 anni , il gioco aiuta molto a trovare dialogo e reciproco rispetto . In sostanza , bisogna fare in modo che lui trovi in noi una persona disponibile , che lo fa giocare , che sa ascoltarlo . Dopo , quando lui sente che siamo persone " SPECIALI " allora sara' lui stesso ad ascoltare le nostre regole . E cosi' via . Certo non e' sempre facile , ma piano piano si va avanti .

E' da 10 anni che mi dedico al prossimo . Da quando papa' ci ha lasciato , ho capito che la migliore cosa per alleviare il dolore e' aiutare chi ha bisogno . Dalle comunita' , ai bambini russi , alle famiglie . Impegnare il proprio tempo per il prossimo aiuta a capire quanti problemi ci sono al mondo . A volte , ci lamentiamo per delle stupidate. Senza sapere che dietro la porta di una famiglia all'apparenza perfetta ci sono dei problemi enormi . Noi non possiamo certo cambiare le persone . Pero' possiamo aiutarle ad affrontare i problemi con una spalla in piu' . Dal 2009 e' arrivato anche Artiom , che e' il bambino qui sotto .

All'inizio e' stato davvero difficile il dialogo con lui . Vuoi perche' era la prima volta che era in Italia , vuoi perche' forse era anche un po' viziatino in tutto....comunque ora va meglio . Qui siamo a RIMINI , a Giugno 2010 . Basta portarlo al mare o alla piscina e ci passa la giornata in acqua ! ! Una energia incredibile che non so dove la trova .

Mazingazeta.com
AGOSTO 2010
Email MAZINGAZETA.COM@GMAIL.COM